Sono i libri a trovarvi e non voi a trovare loro

syd-wachs-120737

Quando cresci capisci che il bene più prezioso che hai a tua disposizione è il tempo. È una risorsa scarsa, non rinnovabile, non scambiabile, non accumulabile. Ogni giorno la sabbia della nostra clessidra scorre, e ci avviciniamo al gate degli arrivi: “gentili passeggeri, vi raccomandiamo di fumare e di tenere accesi i vostri dispositivi elettronici. Le uscite di sicurezza non sono situate da nessuna parte”. Solo il tempo ci separa da quel giorno, quando finirà il soggiorno su questo pianeta, in cui esistiamo per una serie infinita di casualità accorse quando tutte le probabilità giocavano a sfavore. Dal Big Bang al nostro concepimento.

Per questo sono convinto che passare dei giorni a leggere un libro che poi abbandoniamo sfiniti, sfiduciati e un po’ incazzati è assolutamente odioso.

Scegliere un libro è difficile, regalarlo rischioso. Allora come si fa? Le recensioni sono tutte entusiaste e ti viene il dubbio che i recensori siano tutti sotto crack, i gusti personali, titoli e copertine sono fuorvianti e nutrono false aspettative, come i reggiseni imbottiti e gli annunci di lavoro.

Io ho una mia teoria. I libri belli non si comprano né si regalano, si trovano.

Volete leggere un libro? Andate a casa dei vostri genitori, dei vostri nonni, nella casa al mare dei suoceri e guardate nella loro libreria. Così ho trovato i titoli più importanti della mia vita.

Il tempo passa, cambiano le mode, i mobili, la tappezzeria, le mogli e gli amici. Ma se un libro è sufficientemente in gamba da attraversare tutto ciò e restare aggrappato alla sua mensola ci sono ottime probabilità che sia un ottimo libro (*).

(*) Eccetto per “La forza di un sogno” di S. Berlusconi, trovato a casa della nonna e lasciato lì

Quando lo troverete sarà come aver trovato un buon amico, di quelli che ti danno quel pezzettino di puzzle che cercavi per chiudere l’angoletto e avere una visione d’insieme un pelo più chiara. Avrà una copertina ammuffita e le pagine ingiallite, a testimonianza di quanta fatica ha fatto per arrivarvi tra le mani e voi gli vorrete bene e lo rispetterete perché non lo avete comprato.

Perché nonostante tutti gli sforzi che facciamo per dirigere la nostra vita verso percorsi prefissati, gli eventi più importanti sono ancora quelli che avvengono per una serie infinita di casualità accorse quando tutte le probabilità giocavano a sfavore. Dal Big Bang alla scelta di un libro.

MN

Foto di Syd Wachs

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s